Piselli odorosi

L’anno scorso ho seminato qualche pianta di pisello odoroso, ne avevo ordinati pochissimi semi, giusto per sperimentare se con il mio clima potessero crescere bene, e devo dire che sono rimasta sorpresa sia per l’abbondanza del raccolto, sia per il profumo paradisiaco che emanano i fiori, e se non li avete mai annusati dovete rimediare! In Italia non li coltiviamo e non li utilizziamo come fiore reciso, ed è un vero peccato, perché intanto non è vero che sono fiori adatti solo ai giardini inglesi inglesi, furono importati dalla Sicilia nel 18° secolo nel Regno Unito, lo avreste detto? Il secondo motivo per cui non li trovate dai fioristi è che sono molto delicati da trasportare, e siccome la maggior parte dei fiori recisi che si trovano in commercio sono importati da paesi come Kenia e altri, capite bene dove sta l’inghippo. Ma c’è una soluzione, anzi, due.

La prima è coltivarveli da soli, la seconda è acquistarli da chi li coltiva localmente. In questo modo potrete utilizzare questo fiore dalle infinite sfumature per i vostri bouquet o allestimenti, o semplicemente per portare un po’ di gioia in più nella vostra quotidianità.

Le Flower Farm in Italia sono ancora poche, ma ci sono, e hanno bisogno del sostegno di tutti i consumatori consapevoli che cerchino un prodotto locale, poco inquinante e sostenibile in termini di diritti dei lavoratori ( qual è il reale costo di una rosa che arriva dall’altra parte del Pianeta?)

Se invece siete decisi a coltivarveli, vi posso ugualmente aiutare dandovi qualche semplice indicazione. Come saprete se avete seguito le mie stories su Instagram, i topolini sono ghiotti di piselli odorosi, quindi scegliete un luogo in cui le vostre sementi saranno al sicuro. Potete seminarli al chiuso da novembre a gennaio, oppure direttamente in primavera anche in piena terra, o scegliendo dei vasi possibilmente un po’ alti, o delle celle singole I piselli odorosi hanno radici molto potenti, e devono avere spazio per espandersi.

Lasciate i semi in ammollo per una notte, per attivarli, poi distribuiteli nei plateaux oppure nei vasetti. Se usate i vasetti tondi potete mettere 3 o 4 semi ben separati. Quando le piante saranno germogliate e saranno alte 10/15 cm, cimatele per favorire lo sviluppo di più rami, e quindi di più fiori. Dopo le gelate, trapiantate le piantine all’aperto e posizionate già la spalliera o i bastoni di sostegno su cui si arrampicheranno i fusti. Quando iniziano a fiorire, raccogliete continuamente i fiori per evitare che le piante vadano a seme e concludano quindi il loro ciclo vitale. Nella stagione calda le fioriture termineranno, ma potrete raccogliere i semi per la stagione successiva.

Da maggio/giugno saranno disponibili mazzi di 10 varietà di piselli odorosi nel mio giardino, vi aspetto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...