Giardino e cosmesi naturale: bagno di vapore

Avere un giardino ha indubbiamente tanti vantaggi. Di molti abbiamo già parlato e continueremo a parlare, ma ci sono alcuni aspetti che non sono da sottovalutare. Quando parliamo di tutela ambientale, di decrescita, di autoproduzione, sostanzialmente parliamo di riduzione dei consumi, la via più alla nostra portata per contribuire al benessere del nostro ecosistema. Il giardino ci può aiutare molto in questo, perché possiamo coltivare delle piante utili, oltre che belle, non solo per la produzione di ossigeno e di cibo, ma anche per la nostra cura personale.

Da qualche anno utilizzo erbe e fiori per preparare dei semplicissimi cosmetici a costo ridottissimo e con pochissima produzione di scarto, oltre che a km0 zero per gli ingredienti che coltivo, e, visto l’entusiasmo che l’argomento ha suscitato su Instagram, condividerò con voi alcune ricette semplici per le quali non occorre né essere giardinieri esperti, né erboristi laureati, né chimici esperti.

La mia skincare, ovvero la pulizia del viso che io faccio sempre a casa e mai in centri estetici (si, sono la rovina delle estetiste, lo so) inizia con un bagno di vapore per il quale non uso macchine strane, ma 2 semplici ingredienti: acqua e piante. Faccio bollire dell’acqua in cui metto in infusione fiori ed erbe aromatiche per un vapore profumato e rilassante. L’unica regola che seguo é utilizzare solo ingredienti che non avrei problemi a mangiare, quindi se li uso per una tisana, li posso usare anche per il vapore. Nel mio mix ho utilizzato menta, erba luigia, lavanda, camomilla, petali e bacche di rosa, calendula, fiordaliso. Sono state tutte raccolte in estate o primavera, e fatte essiccare su un telaio o nell’essiccatore, poi messi in un vaso chiuso al buio. Se in questo momento non avete piante coltivate da voi, potete acquistarle in erboristeria o aprire una bustina di tisana al vostro gusto preferito, basta che sia rilassante, deve essere una coccola. Dopo aver messo le piante nell’acqua bollente, avvicino il viso e copro la testa con un asciugamano, proprio come si fa quando si ha il raffreddore, e aspetto un quarto d’ora circa. I pori saranno bene aperti e la pelle pronta per la pulizia. Nel prossimo post la ricetta per la seconda fase, uno scrub semplice fatto in casa, ricordatevi di iscrivervi al blog per non perdervelo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...